2018 Grecia La corsa del Vangelo: Paolo apostolo delle genti

-

Ricostruendo la storia di questa terra in relazione alla predicazione di Paolo, riflettiamo su cosa significa e quali sfide ci impone l’essere cristiani oggi.
Tra le strade percorse da San Paolo, va ricordata la via Ignazia, che attraversando i Balcani toccava Eraclea, Edessa, Pella e quindi i centri interessati dalla predicazione di San Paolo, da Tessalonica a Neapoli. Qui l’ellenismo e il cristianesimo si incontrano nella figura di Paolo, qui si compie la grande sfida del giovane cristianesimo: rendere la predicazione di Gesù comprensibile e accettabile al mondo “pagano”. Questo è il carisma di Paolo, che ancora oggi i cristiani devono condividere: rendere Gesù comprensibile al nostro tempo, portare la Parola tra la gente e per la gente, mostrando come Gesù parla ancora oggi a tutti noi.
 

1° giorno: SALONICCO

Arrivo dei partecipanti a Salonicco con voli individuali. Trasferimento in albergo libero. Cena e pernottamento in albergo a Salonicco.
*su richiesta, forniremo gli orari delle celebrazioni liturgiche nella parrocchia cattolica di Salonicco. Le funzioni si svolgono in diverse lingue in base ai giorni e agli orari.

2° giorno: FILIPPI / KAVALA / SALONICCO (170 km)

“Comportatevi in modo degno del Vangelo” - Lettera ai Filippesi
Incontro in albergo con la guida locale e intera giornata dedicata alla visita dei luoghi legati alla figura di San Paolo. Prima sosta a Filippi e visita della località che noi conosciamo grazie ai riferimenti delle Sacre Scritture. Proprio qui Paolo fondò la prima Comunità cristiana in Europa e vi predicò già a partire dal 49 d.C. Trasferimento a Kavala, l'antica Neapolis, dove Paolo sbarcò per la prima volta durante il suo secondo viaggio apostolico, ricordata ancora oggi come la "porta" del Cristianesimo verso la Grecia e l'Europa. Breve sosta ad Anfipoli (non si visiterà il sito) o in alternativa escursione a piedi sino alla chiesa di Panagya in Kavala, dove avremo una vista splendida sull’isola di Thassos (1,5 km per tratta, circa mezz’ora per salire). Arrivo in serata a Salonicco, sistemazione in albergo, cena e pernottamento.
APPUNTI DI VIAGGIO – Era una giornata di primavera del 50 quando Paolo mise piede per la prima volta a Filippi. Chi lo avrebbe immaginato che qui sarebbe nata la prima comunità cristiana d’Europa? Paolo stesso ci raccontò che i suoi progetti erano diversi: voleva recarsi in Asia o in Bitinia. Fu lo spirito a bloccargli la strada e una notte ebbe una visione illuminante: un macedone lo supplicava dicendo “Passa in Macedonia e aiutaci”. Da lì la decisione. Salpato da Troade, passò per Samotracia e Neapoli per raggiungere Filippi. Con lui c’erano Sila e Timoteo.

3° giorno: OURANOPOLI / MONTE ATHOS / SALONICCO (280 km)

La spiritualità monastica ortodossa
Partenza per Ouranoupoli, dove ci si imbarcherà per la crociera intorno al “Monte Athos”. Dalla nave si potranno ammirare i famosi monasteri bizantini che fanno di Monte Athos una località di grande importanza, oltre che per l’aspetto religioso, anche per quello storico-artistico (l’accesso ai monasteri non è possibile). Nel pomeriggio rientro a Salonicco e visita delle sue principali chiese.
APPUNTI DI VIAGGIO - Il monachesimo ortodosso rivela in modo particolare che la vita ha due vertici: la Parola di Dio e l’Eucarestia, un aspetto individuale e uno comunitario, anche nelle sue forme eremitiche. Il punto di partenza è la Parola di Dio una Parola che chiama, che invita, che interpella. Quando una persona è raggiunta dalla Parola, nasce l’obbedienza, cioè l’ascolto che cambia la vita... e ogni giorno il Monaco si nutre del Pane della Parola, dell’Eucarestia.

4° giorno: PELLA / VERGINA / VERIA / KALAMBAKA (230 km)

“...tenendo continuamente presenti l’operosità della vostra fede, la fatica della vostra carità e la fermezza della vostra speranza nel Signore nostro Gesù Cristo” - 1° lettera ai Tessalonicesi
Prima colazione e lasciando Salonicco partenza per Pella, l’antica capitale del regno macedone, dove si visiterà il Museo archeologico. Proseguimento per Veria (l’antica Berea) dove San Paolo si rifugiò dopo aver lasciato Salonicco. Se possibile, incontreremo qui la chiesa ortodossa locale. Proseguimento per Vergina dove è prevista la visita alle famose tombe reali della dinastia macedone e al locale Museo archeologico, dove sono custoditi i preziosi reperti ritrovati nelle tombe. Proseguimento per Kalambaka. Sistemazione in albergo, cena e pernottamento.
APPUNTI - Timoteo, Sila e Paolo arrivarono da Antiochia di Siria a Tessalonica: la missione in questa terra si apriva all’insegna di una grande accoglienza e si chiudeva puntualmente con la persecuzione. Ciò era successo a Filippi sarebbe successo a Tessalonica dove furono costretti a scappare durante la notte per non rischiare nuovamente la vita. All’apostolo quella partenza improvvisa costò molto e tentò di fermarsi a Berea una città poco distante da Tessalonica, ma i giudei lo obbligarono a proseguire per Atene. La comunità fu affidata a Sila.

5° giorno: LE METEORE / DELFI (230 km) I monasteri dell’aria

Prima colazione e visita dei monasteri delle Meteore. In un paesaggio affascinante ed irreale, su enormi rupi, furono costruiti a partire dal XIV° sec. i monasteri delle Meteore: i monasteri “sospesi in aria”. Scrigni preziosi di arte bizantina, conservano oltre a meravigliosi affreschi, icone, manoscritti su pergamena, antichi vangeli ed impressionanti ossari. Nel pomeriggio partenza per Delfi. Arrivo in località Arahova, sistemazione in albergo, cena e pernottamento.
APPUNTI - Questo movimento di uomini che si ritirarono nella solitudine del cielo cominciò intorno al XI sec. Fra questi uomini arrivò anche Atanasio, che proveniva dal Monte Athos, dove il monachesimo aveva costruito una grande città di Dio. Il primo dei 24 monasteri, il Meteoro, nacque a 613 metri di altezza, chiudendo in un’aureola di pinnacoli la vallata di Kalambaka.

6° giorno: DELFI / OSSIOS LOUKAS (170 km)

Quando l’Icona è preghiera
Prima colazione e partenza per la visita del sito archeologico considerato il centro religioso più importante dell’antichità: Delfi. Sorge in posizione elevata con splendida vista sulla valle sottostante, tra i monumenti ricordiamo il tempio di Apollo, il teatro, lo stadio e il tesoro. La visita prosegue con il museo archeologico. Nel pomeriggio visita del Monastero di Ossios Loukas situato sulle montagne tra Arachova e Livadia sulla strada per Atene. Il Monastero del X° sec. è considerato uno dei più importanti monumenti bizantini della Grecia ed è noto soprattutto per i magnifici mosaici ed icone che si trovano al suo interno. In serata arrivo ad Atene, sistemazione in albergo, cena e pernottamento.
APPUNTI DI VIAGGIO - Ciò che la parola scritta rappresenta per coloro che sanno leggere – disse San Giovani Damasceno – l’icona lo rappresenta per chi non sa leggere; e quello che il discorso è per l’orecchio, l’icona lo è per l’occhio: attraverso la forma e i colori l’icona è come un nome rappresentato, è lo strumento di un incontro che ci fa partecipare della santità di colui che incontriamo.

7° giorno: ATENE / CORINTO / ATENE (160 km)

“Per il resto, o fratelli, state lieti, mirate alla perfezione, incoraggiatevi, state uniti, vivete in pace, e il Dio dell’amore e della pace sarà con voi” - 2° lettera ai Corinzi
Prima colazione e partenza per la visita guidata di Atene. Le visite inizieranno all’Acropoli, con la visita ai suoi monumenti, all’Areopago e al Museo dell’Acropoli. Al termine giro panoramico in autobus della città passando davanti ai monumenti e alle piazze principali: Piazza della Costituzione, il Parlamento, Milite Ignoto, Biblioteca Nazionale, Piazza Omonia, Arco di Adriano. Nel pomeriggio escursione a Corinto antica, dove l’Apostolo Paolo si calcola fosse arrivato nell’anno 50. Numerosi sono i monumenti dell’antica città da visitare tra cui l’antica agorà, la Fonte Pirene, il tempio di Apollo. S. Paolo è il patrono della città moderna e a lui è dedicata una grande chiesa. Rientro ad Atene. Nel corso della giornata se possibile incontro ed eventuale celebrazione della santa Messa con padre Gabriele della parrocchia francescana di Atene. Congedo dalla guida locale, cena e pernottamento in albergo.
APPUNTI DI VIAGGIO - La buona notizia si diffondeva lentamente a Corinto. Paolo proveniva da Atene e ogni sabato si presentava nella sinagoga proponendo una rivoluzionaria lettura della storia sacra, ripercorsa a partire da Gesù che, egli senza esitazione riconosceva come il Cristo. Corinto era allora una città movimentata abituata alle voci dei predicatori di ogni genere. Paolo si fermò a Corinto un anno e mezzo. Ai corinzi Paolo scrisse ben 2 lettere che testimoniano le difficoltà che viveva la comunità divisa su molte questioni e per le quali Paolo soffrì moltissimo.

8° giorno: ATENE

Dopo la prima colazione, tempo libero. Trasferimento libero in aeroporto e termine dei servizi.

 

Continuando a visitare questo sito, accetti l'utilizzo di cookies, per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Accetto
Informazioni sui cookies