Capodanno in Terra Santa: nel cuore della Rivelazione

-

 

28 dicembre, giovedì: ITALIA | TEL AVIV | NAZARETH

Ritrovo dei partecipanti all’aeroporto concordato; disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo di linea per Tel Aviv. Arrivo nel pomeriggio, incontro con la guida e trasferimento a Nazareth. Sistemazione nella casa nova francescana, cena e pernottamento.

29 dicembre, venerdì: SEFFORIS | NAZARETH

In mattinata visita di Nazareth, il villaggio di Maria e Giuseppe che non compare citata né nell’Antico Testamento né nelle opere degli storici dell’antichità. Eppure la storia di questo paesino inizia proprio con il Vangelo e la sua fama deriva tutta dal fatto che Gesù trascorse qui nel nascondimento gran parte della sua vita. Visita alla Basilica dell’Annunciazione, alla Chiesa di San Giuseppe (o “della Nutrizione”) e alla Fontana della Vergine, luogo in cui secondo una tradizione apocrifa Maria ricevette la prima visita dell’angelo Gabriele. Partenza per la città di Sefforis, antica capitale della Galilea, con i resti di una sinagoga di epoca bizantina e altri pregevoli reperti. Rientro a Nazaret.


30 dicembre, sabato: IL LAGO DI TIBERIADE

In mattinata trasferimento nei pressi del Lago di Tiberiade: nell’Antico Testamento la sua presenza resta abbastanza marginale, ma nel Nuovo ha un ruolo importantissimo: qui e nei paraggi sorgono numerose località in cui fu attivo Gesù. Visita al Monte delle Beatitudini, dove Gesù pronunciò il Discorso della Montagna (Mt 5-7); a Cafarnao, dove visiteremo gli scavi della cosiddetta Città di Gesù, casa di S. Pietro e antica sinagoga; a Tabgha, il luogo della memoria della Moltiplicazione dei pani e dei pesci (Mc 6,30ss.) e dell’apparizione di Gesù Risorto ai discepoli (Gv 21). Traversata del Lago in battello. Rientro a Nazareth.

31 dicembre, domenica: TABOR | SAMARIA | BETLEMME

In mattinata arriveremo al Tabor, la collina della Galilea diventata per i cristiani luogo simbolo della Trasfigurazione. Visita alla basilica di stile siro-romano dell’architetto Barluzzi. Passando per la Samaria (situazione politica permettendo) sosta a Nablus situata nei pressi dell’antica città biblica di Sichem (Tel-Balata), tra i monti Ebal e Garizim. Qui visiteremo il pozzo di Giacobbe, menzionato nell’incontro di Gesù con la Samaritana (Gv 4,1-26). Arrivo in serata a Betlemme, la città portata alla ribalta della storia dall’evangelista Luca. Se possibile visita alla Basilica della Natività, che custodisce la Grotta la cui venerazione ha origine antichissima e alle altre grotte dedicate alla memoria di eventi e personaggi legati alla tradizione biblica. Sistemazione in albergo | casa religiosa, cena e pernottamento.

01 dicembre, lunedì: DESERTO DI GIUDA e MASADA

In mattinata partenza per il deserto di Giuda: costeggiando il Maro Morto arriveremo a Masada, ultima roccaforte della resistenza dei rivoltosi Zeloti nella Prima Guerra Giudaica (66-70 d.C.). Rientro a Betlemme facendo una sosta nei pressi del fiume Giordano e rinnovo delle promesse battesimali in località Qasr el Yahud dove già dal VI si fa memoria del battesimo di Gesù. Altra sosta panoramica nei pressi del monastero di San Giorgio in Koziba situato lungo il Wadi Kelt: qui la tradizione pone il ritiro di Elia nel suo cammino verso l’Oreb e il rifugio di San Gioacchino prima del concepimento di Maria. Arrivo a Betlemme per il completamento delle visite.


02 gennaio, martedì: GERUSALEMME

In mattinata attraversando il quartiere armeno visiteremo (se aperta) la chiesa di San Giacomo che secondo la tradizione locale onora allo stesso tempo Giacomo il Maggiore (figlio di Zebedeo e discepolo di Gesù) e Giacomo il Minore il fratello di Gesù. RaggiungeRemo il Monte Sion Cristiano, uno dei luoghi più sacri per la fede cristiana, oggi situato fuori dalle mura della Città. Visita al Cenacolo, dove Gesù mangiò l’ultima Pasqua con i discepoli e successivamente apparve loro Risorto. E’ qui che avvenne anche la discesa dello Spirito Santo. Seguirà la visita alla chiesa benedettina della Dormizione di Maria (ricordo della morte di Maria).
Nel pomeriggio salita del Monte degli Ulivi, che sorge a oriente di Gerusalemme ed è legato a diversi episodi dell’Antico e del Nuovo testamento, fra cui l’Ascensione di Gesù. Ai piedi del Monte, lungo la Valle del Cedron, vi è il Giardino del Getzemani (Orto degli Ulivi), luogo dell’agonia di Gesù, e la Tomba di Maria. Sistemazione in albergo | casa reLigiosa, cena e pernottamento a Gerusalemme.

03 gennaio, mercoledì: GERUSALEMME

In mattinata attraversando il quartiere giudaico, saliremo sul Monte del Tempio (o Spianata delle Moschee), luogo dell’antico tempio di Erode, più volte frequentato da Gesù e dagli apostoli. Sin dal VII sec. d.C. è anche un luogo santo musulmano, con la Cupola della Roccia e la Moschea Al-Aqsa. Visita al Muro del Pianto (Muro Occidentale), luogo di preghiera molto caro agli ebrei, in quanto secondo un’antica tradizione, vi riposa la Presenza (Shekhinà) di Dio, che un tempo era nel Santo dei Santi del Tempio.
Nel pomeriggio percorreremo la Via Dolorosa, sostando nei vari luoghi legati alla passione di Gesù. Visiteremo in particolare il “Terra Sancta Museum” presso il Convento della Flagellazione. Poi proseguiremo fino alla Basilica della Risurrezione che racchiude al suo interno il Calvario, l’edicola del Santo Sepolcro, il luogo del rinvenimento della Croce e altre memorie della passione. Cena e pernottamento a Gerusalemme.

04 gennaio, giovedì: GERUSALEMME | TEL AVIV | ITALIA

In mattinata, partenza per Ain Karem dove si ricordano la visita di Maria ad Elisabetta e la nascita del figlio di Elisabetta, San Giovanni Battista, colui che sin dal grembo materno annuncia l’arrivo del Signore. Visita alla Chiesa di San Giovanni Battista e alla Chiesa della Visitazione. Operazioni d’imbarco e partenza per la città di destinazione. (transitando per lo scalo di Roma). Termine dei servizi.

Continuando a visitare questo sito, accetti l'utilizzo di cookies, per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Accetto
Informazioni sui cookies